Business Process Management

I processi aziendali in una gestione integrata e flessibile

Normalmente le aziende affidano i principali processi di business alla piattaforma ERP.
Esistono tuttavia numerosi processi minori che vengono gestiti in maniera destrutturata, utilizzando principalmente la posta elettronica. Nonostante siano minori la loro rilevanza è tangibile in riferimento ai fattori di costo e tempo che impiegano e che non risultano monitorabili senza un sistema strutturato di gestione.

 

Il Business Process Management è l’insieme di attività necessarie per definire, ottimizzare, monitorare e integrare i processi aziendali, al fine di creare un processo orientato a rendere efficiente ed efficace il business dell’azienda.

Tali processi possono riguardare, ad esempio, la generazione di un’offerta commerciale complessa, così come l’on boarding di una nuova risorsa umana o il recovery degli errori di spedizione.

In un contesto di costante trasformazione digitale, in cui la volatilità di formazione e cambiamento di ogni settore di mercato è sempre più veloce, è fondamentale ricorrere a tecnologie Service-Oriented Architecture che offrano soluzioni di business process management affidabili, flessibili ed efficienti, basate su infrastrutture middleware.
La virtualizzazione delle risorse ed un’architettura orientata ai servizi aiutano a generare valore e ottimizzano il ROI aziendale, grazie all’integrazione ed al riutilizzo di porzioni di codice autoconsistenti, che sono usate dal motore di processo in modo flessibile ed intercambiabile.

 

Questi servizi interagiscono secondo una definizione formale, detta protocollo o contratto, come per i Web Services Description Language, indipendente dalla piattaforma sottostante e dalle tecnologie di sviluppo.
In una dimensione di Business Agility l’architettura orientata ai servizi presuppone la possibilità di isolare, ricombinare o fare l’up-grade di alcuni Web Services ogni qual volta i sistemi applicativi e gli human task lo richiedano.

Il business process management, alla base di questa architettura, fornisce uno strato per il controllo, la visibilità e l’audit del processo, dal momento che è pianificato sulle esigenze specifiche del sistema a partire da una prima business analysis (AS-IS), che scopre e implementa il processo, passando poi per una fase to-be di simulazione, fino all’approvazione, allo sviluppo ed ai test di revisione.
Il monitoraggio delle tempistiche consente la generazione di event alert, che informano gli interessati sullo stato di avanzamento del processo.

 

Quando coesistono delle condizioni per passare agli stadi successivi il flusso prosegue in modo snello e presenta all’utente scelte semplici di percorso, che non implicano una conoscenza tecnica o organizzativa della complessità del processo di business.

Se consideriamo, per esempio, un processo minore supportato da un sistema di business process management, che si avvia con la richiesta di ferie da parte di un dipendente, la conseguenzialità fra un task applicativo ed i successivi può venire a dipendere da come alcune regole burocratico/sindacali preinserite si integrano nel sistema in modo veloce e automatizzato.

 

Con l’evoluzione dei Web Services e l’implementazione delle API (Application programming interfaces) è stato possibile pervenire ad un livello di astrazione più alto, tra l’hardware e il programmatore o tra software a basso e ad alto livello, esemplificando il lavoro di programmazione: le API consentono di evitare ogni volta la riscrittura di tutte le funzioni necessarie al programma dal basso livello, in favore del riuso di codice.
Questa maggiore velocità di risposta si presta ad integrare anche algoritmi di intelligenza cognitiva, utili per incrementare il coinvolgimento e le conversioni degli utenti.

 

 

Scopri la nostra soluzione dedicata

 

BPM