Utente contenuti digitali

DAM e PIM: capire le differenze per trovare la soluzione adatta alle esigenze aziendali

 

Succede spesso che si crei confusione tra le soluzioni DAM e quelle PIM, perché esiste una similarità concettuale ma estremamente superficiale.

 

 

La realtà è che seppur concettualmente simili più che essere sostituibili questi prodotti sono complementari, perché collaborano nel realizzare la digitalizzazione delle risorse aziendali.

 

 

Comprendere le differenze tra le due soluzioni è di fondamentale importanza perché rispondono ad esigenze diverse e per questo hanno obiettivi e funzionalità distinti.

 

 

 DAM: DIGITAL ASSET MANAGEMENT

 

 

Il Dam consente una gestione centralizzata di tutti i contenuti digitali aziendali: video, immagini, loghi, documenti, etc.

 

Un Digital Asset management è quindi una risorsa essenziale per tutte quelle realtà che hanno compreso il valore degli asset digitali e che quindi hanno la necessità di veicolarne il valore attraverso un’ampia condivisione interna che punti su velocità e sicurezza.

 

 

L’obiettivo di un Digital Asset Management è quello di diffondere tutti gli asset digitali di un’azienda aumentandone il valore e facilitando l’accessibilità e la condivisione, sia interna che esterna, di questi contenuti.

 

L’acceso e la catalogazione del materiale avviene mediante regole prestabilite in modo da gestire al meglio l’archiviazione, l’accesso e l’editing del materiale.

 

 

PIM: PRODUCT INFORMATION MANAGEMENT

 

 

 

Il PIM rappresenta un sistema centralizzato di raccolta e gestione di tutte le informazioni di prodotto.

Grazie a questo strumento gli utenti aziendali hanno la possibilità di acquisire, creare e pubblicare in modo efficiente e veloce le informazioni di prodotto.

 

 

Un PIM può archiviare le informazioni provenienti da più sorgenti e consentire un aggiornamento rapido e centralizzato di diverse informazioni su più canali, ad esempio:

 

  • Informazioni proprie del prodotto come nome, descrizione e categoria,caratteristiche;

 

  • Specifiche di prodotto come dimensioni, avvertenze, informazioni sul packaging, etc;

 

  • Informazioni di merchandising: correlazioni, sostituzioni di prodotto, etc;

 

  • Informazioni relative alla delivery del prodotto;

 

  • Asset digitali di prodotto come brochure, presentazioni e pdf;

 

  • Informazioni multilingua sul prodotto;

 

 

Funzionamento PIM

 

 

 

Per le aziende poter reperire tutte queste informazioni in un’unica piattaforma consente di semplificare e migliorare la qualità dei servizi offerti oltre che velocizzare tutte le attività di vendita.

 

 

Perché è importante avere un PIM?

 

 

 

1.      Maggiori aspettative dei clienti sulla qualità dei dati

 

 

 

I clienti oggi si aspettano di avere sempre a disposizione informazioni dettagliate e accurate sui prodotti offerti dalle aziende. Quando queste informazioni non sono reperibili e quindi il cliente non trova ciò che sta cercando, si sposta su un altro sito oppure contatta l’assistenza tecnica.

 

 

2.      Governance dei dati

 

 

 

Creare informazioni prodotto complete e di alta qualità è estremamente complesso se non si strutturano correttamente i processi. Per avere sempre a disposizioni informazioni corrette e d aggiornate è necessario stabilire: chi è coinvolto, chi può convalidare i dati, chi può decidere se le informazioni sono complete, ecc. L’utilizzo del PIM consente alle aziende di gestire, controllare e tracciare il processo di creazione delle informazioni di prodotto, per questo questa soluzione è sempre più parte integrante delle strategie di governance dei dati.

 

 

3.      Il go-to-market ha bisogno di velocità

 

 

 

Essere il primo ad immettere un prodotto sul mercato è oggi fondamentale, gli strumenti PIM consentono alle aziende di ottimizzare i processi di creazione ed arricchimento delle informazioni di prodotto. Grazie al PIM le aziende riescono quindi ad introdurre sul mercato nuovi prodotti molto più velocemente rispetto ai competitor che gestiscono le stesse informazioni di prodotto con fogli di calcolo o con altri sistemi non idonei.

 

 

4.      ROI più rapido per maggior efficienza e risparmi sui costi

 

 

 

Grazie al PIM è possibile ottenere un aumento dei tassi di conversione delle vendite e una diminuzione dei resi, questo generalmente con periodi di ammortamento inferiori a un anno, inoltre il ROI aumenta considerevolmente se si tiene conto dell’aumentata agilità e scalabilità a vantaggio del team di marketing.

 

 

Vuoi scoprire di più sul PIM?

Scarica il Nostro Ebook e scopri la soluzione

 

Richiedi l'Ebook