Marketing Automation: il valore della relazione con il cliente

marketing automation e la relazione col cliente

Marketing Automation: il valore della relazione con il cliente

Il più significativo punto di forza nella relazione fra azienda e cliente si basa su quanto quest’ultimo si sente coinvolto nella storia del brand, non direttamente su quello che il brand vuole vendere, bensì in merito al bisogno che ha cercato di soddisfare e su come lo ha comunicato agli interessati.
Il concetto di marketing automation si inserisce in questa relazione come uno strumento irrinunciabile, consentendo al business di puntare su potenziali clienti non ancora del tutto pronti all’acquisto, instaurando con loro un dialogo duraturo e personalizzato con offerte dedicate o campagne di fidelizzazione.
Grazie alla profilazione, infatti, possiamo coinvolgere gli utenti mediante step progressivi di workflow, in un flusso costituito da una serie di azioni specifiche e basate sul comportamento online di ciascuno.
In questo modo i clienti si inseriscono nel processo come prosumer, non limitandosi al ruolo passivo di consumatori, ma partecipando attivamente alle fasi di inbound marketing ed alle operazioni di vendita.
Attraverso la programmazione di mail mirate, ad esempio, possiamo raggiungere chi ha visitato una pagina specifica del nostro sito web o compiuto un percorso di conversione, oppure profili che rispondano a determinate condizioni, come il settore di mercato o il numero di dipendenti.
Il vantaggio dell’email workflow è sia lato azienda, per risparmiare tempo automatizzando l’intero processo, sia lato cliente, che riceve in modo customizzato contenuti e proposte per sé rilevanti in quel momento specifico, a partire dalle email di benvenuto/compleanno, fino alle alle follow-up sale.
Il processo di marketing automation consente una connessione in tempo reale di touch point multipli, comprensivi di content marketing, email marketing, i siti e tutti i social media dell’azienda. Così diventa possibile convertire in modo predittivo, ad esempio in un eCommerce, carrelli abbandonati o wishlist dimenticate, creare un database clusterizzato di presenti e potenziali clienti, consigliare prodotti correlati a quelli già acquistati, regalare sconti e contenuti di interesse che premino la fedeltà e trasformino i clienti B2B in veri e propri evangelist, capaci di creare una massa critica a sostegno di questa tecnologia.
Il nutrimento di contenuti utili al proprio target, tecnicamente lead nurturing, entro una corretta Digital Strategy, permette alla marketing automation di risparmiare tempo secondo il 74% degli intervistati, creare maggiore coinvolgimento dei clienti secondo il 68% e offrire una maggiore opportunità di up-selling (58%).

 

 

Scopri la nostra soluzione dedicata

 

Marketing Automation